Gelato alla banana “mamma-friendly”

  • Ago 6, 2018

gelato alla banana per bambini
Cosa succede quando un’appassionata di nutrizione infantile e food blogger incontra, tra i meandri del web, una pediatra e nutrizionista vegan ed entrambe stanno svezzando i loro birbanti con ricette semplici, facili e sane? Succede che un’ idea tira l’altra e in men che non si dica iniziano a lavorare insieme!

Io e Carla Tomasini siamo entrambe entusiaste dell’auto svezzamento, vegan per i suoi piccoli e plant-based per i miei gemellini, e tutte e due amiamo aiutare le mamme, specialmente quelle più impegnate, a semplificarsi la vita e a preparare ogni giorno ai propri pulcini piatti e spuntini deliziosi, completi di tutti i nutrienti.

La ricetta che ti proponiamo oggi è il facilissimo gelato alla bananaperfetto fin dai primi mesi dello svezzamento, specialmente se il tuo bimbo soffre di inappetenza per il caldo o ha fastidio alle gengive a causa dei primi dentini. Se segui il mio blog sai che la banana è anche un grande classico in casa nostra, i miei piccoli la adorano così tanto che è la terza parola che conoscono, dopo Mamma e Papà, viene lei, la “Nana”.

Questo gelato alla banana è un fantastico spuntino 100% “mamma-friendly”ossia che puoi preparare in due minuti in qualsiasi momento della giornata. Basta congelare delle banane mature tagliate a rondelle per poi, all’occorrenza, frullarne una porzione con un buon robot da cucina (quello con lama a S, per intenderci) fino a raggiungere una consistenza cremosa.

gelato alla banana per bambini

gelato alla banana per bambini gelato alla banana per bambini

È un gelato privo di zuccheri aggiunti, sono presenti, infatti, solo quelli della frutta che lo rendono naturalmente dolce ma non troppo. Per questo motivo è ottimo sia per i bambini in svezzamento,che non devono consumare zuccheri aggiunti, ma anche per le mamme che desiderano rientrare nei vecchi jeans!

Ma non finisce qui, puoi usare questo gelato come base per una miriade di varianti colorate e golosissime che il tuo piccolo adorerà. Ti spieghiamo subito come:

Aggiungi frutta (a partire dai 6 mesi): puoi aggiungere dei pezzettini di frutta fresca oppure congelata, se desideri mantenere una consistenza cremosa. Puoi iniziare con la frutta che il tuo piccolo consuma regolarmente, per poi passare ad altre varianti, mentre è preferibile introdurre una varierà di frutta alla volta se, al contrario, stai iniziando adesso lo svezzamento. Congelare la frutta ti richiederà un po’ più di organizzazione ma, soprattutto d’estate, avere  sempre una bustina di frutta congelata a portata di  mano in freezer può essere davvero un salva vita.

Alcune idee: fragole, mango honey, ma anche ciliegie denocciolate, mirtilli, more, lamponi, ananas, pesche, prugne, insomma tutto quello che piace al tuo bambino!

gelato alla banana per bambinigelato alla banana per bambini gelato alla banana per bambini

Aggiungi grassi buoni e proteine (a partire dai 6 mesi): adoro aggiungere al gelato dei miei bambini dei grassi buoni, sotto forma di burri (chiamate anche creme) di frutta a guscio e di semi. Alcune idee: burro di mandorle, burro di nocciole, burro di semi di girasole e burro di semi di zucca o tahine (burro di semi di sesamo nelle varianti chiara o scura). Insomma,va bene qualsiasi burro vegetale, basta assicurarsi che sia al 100% a base di semi o frutta a guscio senza nessun dolcificante e, preferibilmente, di provenienza biologica. I semi e la frutta a guscio, oltre a essere fonte di grassi buoni, sono naturalmente ricchi di fibre, proteine e micronutrienti, come ad esempio la tahine, che ha un ottimo apporto di calcio.

In alternativa, per aumentare il contenuto proteico della merenda, puoi aggiungere un cucchiaio di yogurt vegetale, caprino o vaccino, tutti alimenti ricchi di proteine ma anche di microrganismi benefici, chiamati probiotici, che ripopolano la flora batterica e rinforzano le difese immunitarie del tuo piccolo.

Aggiungi fibre (a partire dai 12 mesi): per potenziare l’apporto di fibre e rendere lo spuntino più sostanzioso, puoi anche aggiungere un cucchiaio di fiocchi piccoli di avena. L’avena è un cereale ricchissimo di fibre e aiuta il transito intestinale, oltre a essere fonte di carboidrati di lento assorbimento, che mantengono cioè sazi per più tempo senza però alzare la glicemia. In alternativa puoi usare altri cereali in fiocchi, come l’amaranto e la quinoa, ovvio non quelli confezionati per la colazione!

Aggiungi spezie (a svezzamento iniziato): se sei a corto di idee o non hai molto tempo, ma vuoi comunque aggiungere un tocco speciale al tuo gelato, ecco alcune idee: un pizzico di cacao crudo in polvere, farina di carrube, oppure vaniglia o, ancora, cannella. Per le spezie non ci sono controindicazioni a usarle a partire dai 6 mesi, ma ti consigliamo di attendere cominciando con i sapori più semplici e autentici per poi aggiungere varianti man mano che il bimbo inizia a prendere confidenza con i nuovi sapori.

gelato alla banana per bambini

Gelato alla banana mamma friendly

Ingredienti

    Ingredienti per la base:
  • banane mature q.b. - dai 6 mesi
  • 2-3 cucchiai di acqua per frullare
    Varianti:
  • 2 fragole o pezzettini di mango honey oppure altra frutta - dai sei mesi
  • 1 cucchiaino di burro di mandorle o altro oppure 1 cucchiaio di yogurt vegetale, vaccino o caprino - dai 6 mesi
  • 1 cucchiaio di fiocchi d’avena piccoli - dai 12 mesi
  • 1 pizzico di cannella, cacao e altre spezie - dai 6 mesi

Istruzioni

Taglia a rondelle qualche banana e congelarla in un sacchetto. All'occorrenza, frullarla con gli altri ingredienti che sceglierai in un buon mixer fino a raggiungere una consistenza cremosa.

**Se hai il bimby è possibile preparare questa ricetta unendo tutti gli ingredienti e frullando 30 sec. vel. 6

http://pomarioblog.com/gelato-alla-banana-mamma-friendly/

gelato alla banana per bambini

Se ti è piaciuta la ricetta?

Scarica la ricetta!

Iscriviti alla newsletter!

Segui la pagina di Carla!

 

Accorgimenti Importanti

Cibi da evitare durante lo svezzamento: zucchero (sull’argomento ho scritto anche il post come riconoscere lo zucchero in tutto quello che compriamo), miele (può scatenare il botulismo infantile), sale (almeno fino al compimento di 12 mesi, può essere usato in piccole quantità dai bimbi che fanno auto svezzamento e che assaggiano gli alimenti dal piatto dei genitori, purché questi si abituino a usarlo con molta parsimonia, oppure imparino a mangiare senza sale), frutti di mare, carni rosse elaborate (come il prosciutto cotto e crudo) e, per finire, funghi.

Evitare tutti i prodotti che escluderemmo usando un po’ di buon senso, come ad esempio: bevande gassate, caffè, caramelle, biscotti e merendine, alimenti in scatola o comunque contenenti conservanti e coloranti. Acquistare, quando possibile, alimenti biologici o consumare quelli coltivati da un contadino di fiducia o raccolti nel proprio orto per chi ha la fortuna di averlo. Offrire ai nostri pulcini solo verdura di stagione e, preferibilmente, a km zero.

Per gli alimenti allergizzanti, per esempio nella nostra ricetta le creme di frutta a guscio, ricordiamo che dal 2018 l’ESPGHAN (The European Society for Paediatric Gastroenterology Hepatology and Nutrition) ha dimostrato che questi alimenti possono essere introdotti a svezzamento iniziato, per favorirne la tolleranza da parte del organismo, soprattutto se in concomitanza con l’allattamento materno, iniziando con piccolissimi assaggi e aumentarne gradualmente le quantità. E’ stato provato, infatti, che questo comportamento ridurrebbe la probabilità che i bambini, figli di genitori portatori di questo tipo di allergie, siano anch’essi allergici agli stessi alimenti.

Approfondimenti:

  • Qui la pagina facebook della Dott.ssa Carla Tomasini: medico pediatra e puericultrice con Master in Nutrizione e Dietetica. Specialista in alimentazione plant-based, educazione e rieducazione alimentare infantile e famigliare. Consulente in allattamento e supporter del parto rispettoso e umanizzato. Nella vita è mamma di 2 bimbi, vegan per scelta etica e appassionata spadellatrice in cucina, termine coniato da lei stessa!
  • Qui la classifica stilata dall’organizzazione no-profit Environmental Working Group sugli alimenti che solitamente contengono più pesticidi, così potrai valutare quali sono i tipi di frutta e verdura per cui vale veramente la pena “investire” nella versione biologica, come ad esempio le fragole della nostra ricetta.
  • Qui il pdf scaricabile Quando fai la spesa, usa la testa! edito da Slowfood.it dove troverai la lista della frutta e verdura a seconda della stagione, ma anche una panoramica degli effetti dei nostri acquisti sull’ambiente e sull’economia locale, per una visione più consapevole delle conseguenze delle nostre scelte quotidiane.

Disclaimer: questo articolo è stato scritto insieme alla gentile collaborazione della Dott.ssa Tomasini, per qualsiasi informazione o approfondimento relativo alle informazioni nutrizionali o ai suggerimenti circa lo svezzamento puoi scrivere direttamente a: 

Studio Medico Pediatrico Carla Tomasini
tel. 392.0411453
email: pediatracarla@hotmail.com
Skype: carla.tomasini

gelato alla banana per bambini gelato alla banana per bambini

Condivi - Compartilhe
  •  
  • 4
  • 2
  •  

Lascia un commento